cucuzza-cavevisioni.it

«Da Capanna alla D'Urso resto sempre un pezzo da 90»

Michele Cucuzza: «Ho fondato Radio popolare, poi sono entrato in Rai. Ho seguito i funerali di Madre Teresa e Lady Diana. Collaboro con la tv pubblica e con Telenorba, ma a Mediaset mi trovo bene»
pellegrini2-cavevisioni.it

«In Rai la famiglia normale è trasgressiva»

Il regista Lucio Pellegrini: «Fin dall'inizio non abbiamo inseguito il politicamente corretto. Abbiamo elaborato la realtà senza voler dare lezioncine. La tavolata dei Ferraro, il luogo della resilienza»
gabanelli4-cavevisioni.it

«Ho voltato pagina, non torno in Rai»

Milena Gabanelli: «Per liberare la tv pubblica dalla politica serve una riforma ispirata al modello inglese. Il giornalismo di Dataroom parla a chi s'informa sul Web. I big dell'hi tech sono poteri opachi»
mentana1-cavevisioni.it

«I grandi media non capiscono il governo»

Il direttore del TgLa7: «Lega e M5s dureranno. Dubito che Pd e Forza Italia rinasceranno. Dissento da Salvini, ma non lo chiamerei ministro della malavita. Sto per chiudere il casting del giornale online»
salerno2-cavevisioni.it

«Mi chiamano spesso, ma non torno in tv»

Sabrina Salerno: «Non m'interessa partecipare ai reality. In Italia lavoro poco perché mancano i grandi show, mentre in Francia... Le molestie? Ho dato tanti schiaffoni. La violenza peggiore è psicologica»
mogol-cavevisioni.it

«La mia idea sul problema dei migranti»

Il non venerato maestro Mogol: «Gli appelli contro il governo ricordano il '68, quando si mischiavano musica e politica. Serve un'intesa tra Ue e Paesi africani per aiutare i profughi a casa loro»
pulici-cavevisioni.it

«Non amo questo calcio, insegno lealtà ai bambini»

Paolo Pulici, ex bomber del Toro: «Io finivo il lavoro dei compagni, oggi contano i fenomeni e non la squadra. Ho guardato poco i Mondiali e non vado in tv. Il male peggiore sono i genitori ambiziosi»
1

«Io ex mago dei sondaggi: oggi sono inutili»

Parla Gianni Pilo, l'ex consigliere di Berlusconi: «Sbagliai a candidarmi, ma mi amareggiò il silenzio dopo il successo di Guazzaloca al quale contribuii. Ora creo algoritmi per la sicurezza in rete»
givone-cavevisioni.it

«La casta dei chierici che negano Dio»

Nell'ultimo libro, il filosofo Sergio Givone riflette sulla necessità della religione, «l'unica che risponde alla domanda sul senso dell'esistenza. L'aut aut di Dostoevskij tra nichilismo è fede è attualissimo»
giordanopaolo-cavevisioni.it

«Veneriamo la tecnologia come una religione»

In «Divorare il cielo», Paolo Giordano narra la storia di un gruppo di ragazzi che passa dalla devozione all'ecologia estrema al terrorismo: «Ma la nuova fede dei millennials è il web con i suoi personaggi»